Novena

Santo Rosario

Meditiamo il Santo Rosario con Cristina

 

1° Mistero: L’Eucaristia

“Siamo occupati: non c’è tempo, non c’è tempo …

Eppure sappiamo di non poter muovere un dito senza di Te!

Perché allora passiamo giorni, mesi, anni, o addirittura una vita, dimenticandoti?

Come faccio io ad essere così indifferente nel riceverti attraverso l’Eucaristia quando il solo toccarti il mantello ha guarito una persona? Io che ti ho dentro allora dovrei far miracoli!!!

Dovrei avere la forza di lasciare tutto per Te!

Dovrei essere disposta ad amare Te sopra ogni cosa e pensare Te prima di tutto.

Al centro della mia vita deve esserci l'Eucaristia, il solo amore: Gesù.

Se possiedo Cristo, anche senza avere niente, possiedo tutto.

Voglio mettermi completamente sotto l'influenza di Gesù: voglio pensare con i suoi pensieri, parlare con le sue parole, agire con le sue azioni.

Voglio fare la sua volontà con un sorriso.

Per essere piena di Dio devo essere vuota del peccato.

Devo "dare Gesù" con l'esempio, non con le parole.

La Sua gioia dev'essere la mia gioia e la mia forza: devo saper accettare e dare allo stesso modo con la stessa felicità e pace, e devo essere cosciente che tutto di me Gli appartiene.”

 

Aiutaci Signore a radicare la nostra vita in Te, che sei Risorto.

Rendici testimoni del tuo amore che salva.

 

Canto

 

2° Mistero: La Parola

“Vorrei che la tua Parola fosse il mio unico sostegno, la mia unica richiesta, la mia sola gioia, il mio unico impulso, il mio unico conforto.

“Se cerco Te tutto il resto mi sarà dato in più.”

Vorrei Signore che la Parola fosse davvero al centro della nostra vita:

la base per la costruzione della nostra famiglia;

il fondamento della nostra casa;

la guida per la formazione nostra e dei nostri figli;

lo stimolo per un’apertura agli altri, il fulcro della nostra preghiera di lode e di ringraziamento;

il fuoco che riscalda il nostro cuore e che brucia ogni pensiero cattivo

e ogni situazione poco felice;

la luce che illumina il cammino che insieme abbiamo deciso di percorrere;

il silenzio che ci faccia entrare in noi stessi per conoscerci;

l’acqua che purifica e rende ogni persona pura;

il desiderio di una vita, vissuta per te.

Vorrei Signore che la mia persona fosse davvero come Gesù la tua Parola Vivente:

luce, guida, stimolo, fuoco, silenzio, acqua per tutti coloro che mi circondano e che da me attendono nient’altro che amore!”

 

Aiutaci Signore a vivere il Vangelo che è buona notizia per noi e rendici discepoli coraggiosi e fedeli.

 

Canto

 

3° Mistero: La Santità

“Caro Carlo,

ti scrivo per dirti che stasera ho capito una cosa grandiosa, una cosa che voglio condividere con te, affinché sia la base della nostra vita.

Tu ed io, cristiani, siamo chiamati alla “perfezione”, che significa somiglianza sempre più profonda a Cristo, il Santo e il Perfetto per eccellenza.

Il nostro sforzo a raggiungere la perfezione del Vangelo deve essere continuo, convinto e profondo.

Ma concretamente in cosa consiste questo sforzo?

Spesso si è presi dal voler “fare” qualcosa per gli altri …

Si vorrebbe dedicare del tempo magari a un handicappato o a un emarginato,

o addirittura si parte per missioni lontane cercando qui la perfezione della vita cristiana.

No! Io divento santa nella misura in cui mi svuoto di tutto, rimuovo dalla mente, dal cuore e dalla vita ogni impedimento per farmi penetrare completamente

dall’amore di Dio.

Più concretamente, significa vivere con molta semplicità la vita di ogni giorno, nella famiglia, nello studio, nel rapporto con te, Carlo.

Il mio posto è nel semplice e “nell’abitudinario”.

Alla luce di tutto questo, tutto diventa più bello: ogni piccola cosa è Dio

che la mette sul mio cammino, desiderando da me il massimo impegno, ma la mia felicità soprattutto.

Se qualcosa (ad esempio lo studio o il lavoro), è causa di ansia o di infelicità allora è indice che è il nostro egoismo o la voglia di emergere che ha il sopravvento, non il volere di Dio.

Tutto quindi, anche noi stessi, dobbiamo scomparire per lasciar posto all’amore vero che è Dio.

Importante è quindi l’obbedienza a Lui tramite la sua Chiesa. (…)”

 

Aiutaci Signore quando ci chiami a scelte grandi, quando ci chiedi risposte importanti.

 

Canto

 

4° Mistero: Abbandono alla Volontà del Padre

“Signore, credo che Tu vuoi solo la mia felicità!

Perciò: eccomi!

Prendimi tutta, fa’ di me ciò che Tu vuoi.

Voglio credere che ciò che Tu sceglierai e mi indicherai sarà la via per arrivare alla gioia piena.

Voglio fidarmi di Te, appoggiarmi a Te, anche se so di soffrire, di rimanere spesso nel dubbio.

Signore, indicami la strada: non importa se mi vuoi mamma o suora, ciò che importa realmente è che faccia solo e sempre la Tua volontà.

Fammi pure soffrire, perché è nella sofferenza che incontro Te, la salvezza.

Lasciami pure nel dubbio, perché so che è nel dubbio che Tu mi illumini di più e mi parli con sincerità e amore per darmi sicurezza.

Signore, ho bisogno di Te!

Ho bisogno di vivere con Te, per Te, in Te … Eccomi!”

 

Aiutaci Signore a realizzare la nostra vita secondo il disegno del Padre, nel dono di noi stessi e nell’adesione alla tua volontà.

 

Canto

 

5° Mistero: La Sofferenza

“Credo che Dio non permetterebbe il dolore se non volesse ricavare un bene segreto e misterioso, ma reale.

Credo che non potrei compiere nulla di più grande che dire al Signore: “Sia fatta la tua volontà”.

Credo che l’unica spiegazione del dolore è che Gesù lo ha voluto prendere sopra di sé.

Credo che il dolore non è uno scherzo crudele del caso, ma una misteriosa partecipazione alla passione di Gesù.

Credo che un giorno comprenderò il significato della mia sofferenza e ne ringrazierò Dio.

Credo che senza il mio dolore sopportato con serenità e dignità, mancherebbe qualcosa all’armonia dell’universo.

Credo che è veramente saggio chi sa soffrire senza perdere la serenità e la fiducia in Dio.

Credo che come tutti i fiumi vanno al mare, così tutte le nostre lacrime si versano nel cuore di Dio. Amen”

 

Aiutaci Signore quando non comprendiamo, siamo oppressi dal dubbio, dalla fatica, dalla sofferenza e cerchiamo luce.

 

Canto

 

Canto: Salve Regina

 

Atto di CONSACRAZIONE a MARIA

Tutti: O Maria, Madre di Gesù e Madre mia, io mi affido alle tue premure materne, per essere formato giorno dopo giorno, a somiglianza del figlio tuo. Insegnami a pensare come Lui, ad amare e a comportarmi come Lui.

Mi consacro a Te, perché voglio amarti e farti conoscere e amare come Madre di Dio e Madre degli uomini. Rinnovo la mia alleanza con te, mettendomi con fervore al tuo servizio, per assisterti nella tua missione. Degnati di accettare, o Madre tenerissima, l’omaggio del mio amore e della mia dedizione.

Il Padre e il Figlio e lo Spirito Santo siano in ogni luogo glorificati per mezzo dell’Immacolata Vergine Maria.

Il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo siano in ogni luogo glorificati per mezzo dell’Immacolata Vergine Maria. Amen.

Via Crucis

Scarica il documento qui sotto:

Via Crucis.pdf
Documento Adobe Acrobat 53.9 KB